Bitcoin Blog

Bitcoin: Sicurezza e Legittimità

Bitcoin ha debuttato l’anno scorso. È in realtà una crittovaluta che in breve tempo è stata resa nota. In ogni parte del mondo, ci sono diverse aziende che accettano questa crittovaluta. Come il famoso negozio di gioielli situato in America, la società REEDS, così come i reparti ospedalieri che sono stati integrati in Belgio. Non solo, ma è sicuramente accettato anche da diverse aziende in questo momento, tra cui PayPal, Expedia, Microsoft e Dell.

Proprio come le altre crittovalute che si conoscono, anche questa ha i suoi vantaggi e svantaggi. Alcuni dei problemi che si possono incontrare durante l’utilizzo di questa valuta digitale sono la sua maggiore volatilità di valore bitcoin oggi, i conti dei ladri usati per hackerare il conto di qualcuno e i suoi ritardi nelle transazioni. Tuttavia, i paesi che sono considerati il terzo mondo credono che questa criptovaluta sia un canale affidabile che possono utilizzare per inviare e ricevere qualsiasi somma di valore bitcoin oggi.

File:Bitcoin price and volatility.svg - Wikimedia Commons

Se sei nuovo nel campo delle criptovalute, potresti chiederti se è sicuro usare Bitcoin? Continua a leggere questo post perché ti forniremo le informazioni di cui hai bisogno per conoscere la legittimità e la sicurezza di tale crittografia. Quindi, se vuoi saperne di più, cominciamo!

Bitcoin è legale e sicuro?

Per capire meglio come il sistema svolge le sue funzioni, basti pensare ad una persona, il suo nome è Alice, che vuole provare Bitcoin. Ha già sottoscritto il portafoglio Bitcoin per memorizzare le sue monete.

Alice ha tre diverse applicazioni che potrebbe considerare di utilizzare. Tra queste ci sono le seguenti:

  1. Full Client – Questa app è paragonabile a una macchina e-mail stand alone. Questa è in realtà quella che imposta tutti gli elementi utilizzati nelle procedure senza richiedere l’aiuto di server web di terze parti. Questo significa che Alice è in grado di avere il controllo completo di tutte le transazioni dall’ inizio alla fine. Tuttavia, questo non è consigliabile per i principianti.
  2. Client snellito – Questo è davvero un tipo di client di posta elettronica stand alone che può essere associato al servizio di posta elettronica per accedere alla casella di posta. Questo implica solo che Alice dovrà utilizzarlo per acquistare i suoi bitcoin. Tuttavia, a differenza dell’intero client, il client snellito richiede l’aiuto di server web di terze parti per avere il controllo nella rete. In aggiunta a questo, sta davvero diventando una soluzione completa per effettuare le sue transazioni.
  3. Client Internet – Questi client e-mail stand alone sono molto diverso tra loro. Tuttavia funziona come la web mail, perché è estremamente affidabile nei confronti di server web di terze parti. Un unico avviso importante a questo proposito può essere che Alice non è in grado di gestire le sue transazioni bitcoin. Tuttavia, è possibile controllare le transazioni con macchine di terze parti.

I portamonete bitcoin sono di diverso tipo. Ogni tipo può offrire vantaggi e svantaggi.…

Read More
Bitcoin Blog

Fatti interessanti su Ripple

Hai qualche idea sulla previsione del Ripple valore di quest’anno? O forse non conosci ancora bene cosa sia il Ripple valore e come funzioni. Bene, continua a leggere, perché ti daremo le migliori notizie che hai bisogno di sapere per capire. Scorri verso il basso!

Persone dietro Ripple

Il protocollo, che funziona come un prototipo, è stato progettato nel 2004. Tuttavia, la sua vera origine risale al 2013. Durante quel periodo Jed McCaleb, la persona dietro la rete EDonkey, chiese a un gruppo di noti investitori di investire denaro su Ripple Labs. 

Ripple Labs e il suo fondatore

  • Chris Larsen, un angel capitalista, un dirigente d’azienda e un attivista per la privacy, considerato la persona più ricca di crittovalute. È noto per essere stato il co-fondatore di una serie di startup in linea con i servizi finanziari online, a cominciare dal mutuo ipotecario (online) E-loan nel lontano 1996.
  • Jed McCaleb è un imprenditore e programmatore americano molto conosciuto. Ha anche co-fondato una serie di crypto-startups come Stellar, Ripple, eDonkey, Overnet e cryptocurrency trade Mt. Gox, dove ha messo all’asta la sua piattaforma e la sua quota è stata ricodificata anche prima dell’impopolare attacco informatico. È stato poi sulla gestione centrale, oltre il 70% di tutte le transazioni bitcoin in tutto il mondo. 

Il protocollo Ripple 

Rispetto al Bitcoin o all’Ethereum, una catena di blocchi non è presente in Ripple. Questo può sembrare insolito perché siamo abituati a vedere la crittovaluta per avere una Blockchain. Potresti chiederti come potrebbero darti una garanzia o una certezza nel verificare le transazioni e nell’assicurarsi che tutto sia in linea, che tutto sia in regola, che tutto sia a posto. Per questo motivo, Ripple ha una tecnologia personalizzata brevettata, che è conosciuta come RPCA o l’algoritmo di consenso del protocollo Ripple. 

Ripple logo on a computer screen with a magnifying glass | Flickr

Il termine consenso indica che ogni nodo è d’accordo con l’altro, e non ha alcun problema. Provate a immaginare, nella prima arena, ci sono 100 persone esperte, adulti più anziani, e poi la città richiede un insediamento da parte di tutte le persone. Così, prendono un’unica decisione. Quindi, se tutti sono d’accordo, si può iniziare una guerra in qualsiasi momento, finirla, aumentare le tasse, annunciare una gara olimpica, o altro. D’altra parte, se uno non è d’accordo, non succederà nulla, fino a quando non verrà il momento di determinare il suo possibile problema.

Utilizzo di Ripple

  • Commissioni molto più basse per lo scambio di pagamenti. Ci sono diverse valute che non è possibile convertire direttamente l’una all’altra. Pertanto, è necessario che le banche utilizzino il dollaro USA come mediatore. Pertanto, si applicherà una commissione, una doppia commissione, che convertirà A in USD o USD in B. Ripple funge quindi da mediatore, anche se molto più bassa del USD. 
  • Operazioni internazionali veloci. Il tempo medio per ogni transazione è di quattro secondi. Rispetto ad altre attività digitali, che viene effettuata al massimo per un’ora, o peggio ancora per qualche giorno grazie a servizi o sistemi bancari regolari.
  • Ecosistema delle transazioni. L’utente può decidere per
Read More